Santo Stefano – Il videoclip

Diego Perrone, Caparezza e il disagio di essere nel posto sbagliato

Testimonial 

Forse perché nel video si racconta una festa inaspettata, lavorare con Ottopiuotto è stato una sorta di party. Al di là dell’entusiasmo, la loro professionalità ha fatto sì che fosse tutto come me l’ero immaginato! Grazie!

Diego Perrone

Musicista e interprete

Cliente

La Voce del Gregge

 

Servizio

Screenplay, direction, editing, postproduction.

soundcloud.com/diego_perrone

Scritto e diretto da Ottopiuotto Creative Studio, il videoclip del nuovo singolo di Diego Perrone feat Caparezza “Santo Stefano” è stato girato interamente in Puglia. Santo Stefano racconta “il disagio di essere nel posto sbagliato“. Lavorare con Diego è stato estremamente divertente e stimolante: possiede un’eccezionale ironia e una mimica formidabile. Queste sue doti ci hanno portate a mettere in scena una serie di situazioni
comiche e surreali, dalle quali Diego cerca maldestramente di

 

 

 

sottrarsi, avendo come compagno di disavventura Caparezza. Avere entrambi davanti all’obiettivo per noi è qualche concerto del rapper molfettese può capire di cosa stiamo parlando). Sul palco come sul set la coppia “funziona” alla perfezione! Ai musicisti Gaetano Camporeale, Alfredo Ferrero e Giovanni Astorino – rispettivamente tastierista, chitarrista e bassista diCaparezza – Danilo Kurtz Novajra e Nicola Quarto, tastierista e chitarrista di Diego Perrone abbiamo assegnato dei ruoli particolari… 

 

Il backstage

BACSKTAGE VIDEO

Santostefano – Il testo

Cosa mi conviene per non stare bene? Cospargermi di miele e arrovellare al sole
Oppure andare in quel locale dove mi prendo male
Non è proprio un piacere? La musica è famigliare

Il disco io lo conosco
Sono io che non sono al posto giusto. Il disco che preferisco…scusa tipo ma non lo riconosco!

 

Me ne voglio andare, finisco il bicchiere. Ti capisco a stento televisore spento
Poi me la sono presa con uno che non voleva capire
Che facevo la coda al bagno perché dovevo solo pisciare!

Qui non è serata
La mia amica tesserata
Ha freddo ma suda come se avesse l’afa, ho fari negli occhi, mi scogliono come Farinelli o chi per lui.. C’è il dj e lei ha occhi per lui che…

“Walk this way, beat it
Smells like teen spirit
Enola gay, chop suey
I got a feeling
..smack my beach up
You spin me round
Let me take you to
Funky town”. Resto apatico pure su “Could you be loved”. Riverso sul bancone
Come Barney al bar di Boe
Riconosco il disco ma lo disconosco “Discow Moskow”, dopo leggo Dostojeski nei cessi del posto

Gira bonza in borse
Di tipe fatte e sbronze
Alte belle basse stronze
“harder better faster stronger”Boom shaka laka Qua già dilaga il virus
Di “personal Jesus” Meglio un personal chilum. 

Il disco io lo conosco
Sono io che non sono al posto giusto. Il disco che preferisco…scusa tipo ma non lo riconosco!

Guarda gli altri progetti!

Contattaci per una consulenza gratuita!

8 + 14 =